La vasta laguna che circonda Venezia è testimone del precario equilibrio raggiunto dall’uomo nella secolare lotta tra la forza erosiva del mare e quella costruttiva dei fiumi. In questa sezione dedicata alla laguna troverete informazioni utili per navigare in laguna, per scoprire le attività territoriali legate alla protezione e valorizzazione dell’ambiente lagunare, e approfondimenti sulla sua fauna e flora per scoprire la complessità e le ricchezze di questo delicato ecosistema.

La Laguna di Venezia è uno dei territori umidi
più importanti d'Europa. Per raggiungere i luoghi più nascosti e più suggestivi
ed ammirare natura e bellezze del mondo lagunare la barca è sicuramente il
mezzo migliore: permette di spostarsi agevolmente attraverso i bassi fondali di
barene, ghebi e di immergersi nelle Oasi naturalistiche, nelle Valli da pesca e
nelle affascinanti isolette che costellano  l'ambiente lagunare.

Nel 2002 la Giunta Comunale di
Venezia ha istituito l’Osservatorio Naturalistico della Laguna. Al
progetto concorrono l'Assessorato per l'Ambiente, l'Assessorato per la
Pubblica Istruzione
, l'Asssessorato per l'Urbanistica e la Cultura.
Inoltre, Il Comune e la Provincia di Venezia hanno formalizzato, attraverso un
apposito Protocollo di Intesa, un rapporto di collaborazione per lo sviluppo
delle attività dell’Osservatorio stesso.

Con il naso all'insù per
ammirare le stelle... restando comodamente seduti al caldo. La laguna
veneziana
si è arricchita di un nuovo spazio che unisce la scienza
alla storia, la fantasia alle suggestioni scientifiche. L'apertura del nuovo Planetario civico al Lido ha colmato un vuoto che
perdurava da quando venne chiusa la vecchia sede nel convento di San Nicolò e gli astrofili veneziani furono costretti a fare le
valigie senza avere un'alternativa.

di Venews agosto 2006
La laguna di Venezia serba numerose tracce del passaggio di Ernest Hemingway,
forse egli, come il frate di Pietralcina aveva il dono dell’ubiquità…
Hemingway ha visto da vicino gli orrori della guerra, di quell’ultima
grande guerra combattuta quasi corpo a corpo, prestando giovanissimo la
sua opera di volontario della croce rossa in un luogo al limite estremo
della laguna nord, Portegrandi, nel comune di Quarto d’Altino.

Come abbiamo visto le piccole isole della laguna si
popolarono attorno al Mille, rappresentando un luogo naturale per costituire
gli ambienti ideali al silenzio e alla contemplazione che gli ordini monastici
cercavano per creare la distanza necessaria fra se e le cose del mondo.

Pagine