Testo sostitutivo

Stampa

Riapertura del Teatro Verde a San Giorgio

Teatro verde a san giorgioDopo un lungo periodo di inattività riapre al pubblico e alla città di Venezia il Teatro Verde nel parco dell’Isola di San Giorgio Maggiore, con la prima di Una notte a Venezia, famosa operetta comica di Johann Strauss che il 18 maggio inaugura la nuova stagione di eventi musicali del teatro.
E' un anfiteatro en plein air con circa 1.500 posti a sedere e gradoni di pietra bianca di Vicenza intercalati da vegetazione, ricorda uno di quei teatri che ornavano le ville venete della Terraferma.

Il Teatro Verde fu costruito sull'Isola di San Giorgio Maggiore a partire dal 1952 su progetto degli architetti Luigi Vietti ed Angelo Scattolin, utilizzando il  materiale di demolizione accumulatosi nel corso dei lavori di restauro dell'isola con i quali nacque la Fondazione Giorgio Cini. Il Teatro e venne inaugurato nel 1954.
Con la costruzione del teatro si completò il recupero dell’isola di San Giorgio Maggiore secondo un disegno preciso che prevedeva un insediamento funzionale nell’isola di iniziative sociali e culturali che costituiscono tuttora lo scopo essenziale della Fondazione Giorgio Cini. Per mezzo del Teatro Verde la Fondazione Giorgio Cini si impegnò infatti ad intervenire attivamente anche nel settore del teatro, al di là dell’intensa attività di riflessione critica e saggistica portata avanti dai suoi Istituti di Ricerca; la programmazione degli spettacoli fu spesso frutto di una stretta collaborazione con le istituzioni teatrali di Venezia, soprattutto con il Teatro La Fenice e La Biennale.
Dopo un’intensa attività negli anni cinquanta e sessanta, il Teatro Verde cadde in disuso e da allora in poi fu utilizzato solo raramente.
Nel 1999 fu stipulata una convenzione tra la Fondazione Cini e La Biennale di Venezia che consentì, dopo molti anni, la riapertura al pubblico del Teatro Verde, destinandolo prevalentemente all’attività di danza.Il grande palcoscenico divenne ancora una volta lo spazio deputato per un progetto di rilievo, sostenuto dalla grande danzatrice Carolyn Carlson, che lo elesse come centro della sua Accademia Isola Danza.
Nel 2003 anche la Biennale Danza lasciò la gestione del Teatro Verde a causa dei costi di gestione che si sommavano alla precarietà della programmazione di un teatro all’aperto non dotato di un sistema di protezione del palcoscenico.

Oggi finalmente, grazie all’intervento di finanziatori privati, il Teatro Verde riaprirà al pubblico con una nuova programmazione che, da maggio a ottobre, offrirà nuovamente a veneziani e visitatori la possibilità di immergersi nello scenario idilliaco del parco illuminato per assistere alle rappresentazioni degli eventi in programma durante la bella stagione.

Per maggiori informazioni sulla programmazione del teatro e sulle modalità di acquisto dei biglietti visita il nuovo sito del Teatro Verde


di Roberta Nalesso
redazione MV


Informazioni utili:

Teatro Verde Srl
Isola di San Giorgio Maggiore
30124 Venezia
+41 (0) 900 800 800

AddThis Social Bookmark Button

Contenuti correlati

Chiesa e Monastero di San Giorgio Maggiore

Chiesa e Monastero di San Giorgio Maggiore L'mportante monastero benedettino, dal 1951 sede della Fondazione «Giorgio Cini», sorge sul'isoletta omonima  con un complesso insieme di ambienti, realizzato dietro progetto di Andrea Palladio e articolato attorno alla ralativa chiesa e ai due chiostri.  

Andar per chiostri a Venezia

Andar per chiostri a Venezia di Un amico a VeneziaUn chiostro… un’immagine di fraticelli in meditazione e di breviari sfogliati in ore antelucane. La sensazione è un’ondata di pace e serenità. Venezia: una città di canali, ponti, chiese e monasteri in cui andremo a curiosare, in un itinerario a ritroso nel tempo, attraverso i chiostri dei conventi di Santa Maria Gloriosa dei Frari, Sant'Apollonia, San

L'isola di San Giorgio Maggiore

L'isola di San Giorgio Maggiore Il recente film di Saverio Costanzo In memoria di me, interamente girato a San Giorgio, ha regalato agli spettatori la suggestione di spazi infiniti nella finitezza di un luogo chiuso.

Le Nozze di Cana ritornano a Venezia

Le Nozze di Cana ritornano a Venezia di Roberta Nalesso  | redazione MV A settembre, in concomitanza con l’apertura dei Dialoghi di San Giorgio, quest'anno dedicati al tema Ereditare il passato. Tradizioni, traslazioni, tradimenti, innovazioni, la grande tela Le nozze di Cana dipinta da Paolo Veronese per il refettorio del monastero benedettino dell’isola di San Giorgio Maggiore, attualmente al Louvre di Parigi, ritornerà finalmente a Venezia
Italiano | English

newsletter

mappa

Meteo a Venezia

27 / 06 / 16
23:50

23°C

Principali eventi a Venezia

Con il sostegno di

Il Sito è stato realizzato mediante il cofinanziamento concesso ai sensi della Misura 2.5 - Azione B del DOCUP 2000-2006 - Obiettivo 2. - Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Code