Straordinario esempio di architettura civile gotica veneziana, dimora del Doge e sede delle più alte magistrature statali, è il luogo-simbolo della città, la più alta rappresentazione della potenza e dello splendore dell'antica Repubblica Serenissima.  All'interno è possibile visitare le sale del Maggior Consiglio, del Senato, del Collegio, decorate con tele di Tintoretto, Tiziano e Veronese, gli appartamenti del Doge, il famoso Consiglio dei Dieci, l’armeria e  le prigioni.

L’edificio, fondato come castello nel IX sec.e assunta la forma attuale nel XIV e XV sec., si struttura in una grandiosa stratificazione di elementi costruttivi e ornamentali, raffinate decorazioni con simboli e motivi allegorici, capitelli e sculture.
Attraverso la porta della Carta, opera gotica (1438) attigua alla Basilica di S. Marco, si accede al bellissimo cortile, con al centro due vere da pozzo in bronzo del '500. Sul lato d'ingresso si innalza l'arco Foscari, opera di gusto gotico del 1470 e di fronte si trova la scala dei Giganti, capolavoro dell'arte rinascimentale progettato da Antonio Rizzo (fine del '400), con le statue di Marte e Nettuno di Jacopo Sansovino (1554), davanti alle quali il doge neoeletto giurava fedeltà alle leggi.

Da una scala a sud-est del portico si sale alla loggia gotica, che, attraverso la magnifica scala d'Oro (1559), conduce al primo piano nobile, le cui sale, decorate da dipinti di Giovanni Bellini, Tiziano, Carpaccio, formavano l'appartamento ducale. Salendo al secondo piano nobile, la visita inizia dall'atrio quadrato: nel soffitto ligneo (sec. XVI), tele di Jacopo Tintoretto, alle pareti dipinti di Veronese e Francesco Bassano.

La visita prosegue attraverso la Sala delle Quattro Porte, dove si può ammirare Il doge Grimani in ginocchio davanti alla Fede, celebre opera di Tiziano(1556).  

Si continua  nell'Anticollegio, le cui pareti sono decorate da quattro pannelli di Tintoretto e da una tela di Paolo Veronese, dal qule si accede alla Sala del Collegio: alle pareti tele di Tintoretto e Veronese,  mentre nel soffitto intagliato si trovano  pannelli del Veronese(1577).

Si arriva poi nella Sala del Consiglio dei Dieci e nella  Sala dei tre Capi del Consiglio dei Dieci i cui soffitti intagliati e dorati, conservano pannelli di Paolo Veronese e la sua bottega.

Si scende nell'andito del Maggior Consiglio, che immette nella sala della Quarantia Civil Vecchia e nella sala dell'Armamento, ove è esposto quanto resta di un grandioso affresco del Guariento (1365-67) rovinato da un incendio del 1577, nella loggia successiva (liagò) statue di Adamo ed Eva scolpite da Antonio Rizzo nel 1464.

Da qui si arriva infine alla Sala del Maggior Consiglio: alle pareti, dipinti e un fregio con 76 ritratti di dogi (quello di Marin Faliero, decapitato nel 1355 per congiura, è sostituito da un fondo nero), di Tintoretto.

Al centro del soffitto, Apoteosi di Venezia del Veronese

Scendendo dalla Loggia, si possono in parte vedere le Prigioni Vecchie, dette i pozzi, anguste celle, umide e scure. Attraversando il ponte dei Sospiri, si possono invece visitare le inquietanti Prigioni Nuove, della seconda metà del '500, e le stanze delle torture.

E' possibile effettuare la visita degli itinerari segreti di Palazzo Ducale, un percorso attraverso gli ambienti meno fastosi del Palazzo, dove la burocrazia statale svolgeva il lavoro quotidiano e la giustizia interrogava e torturava gli indiziati.

 

 

 

 

Informazioni utili:

Orari: dal 1 novembre al 31 marzo 8.30 – 17.30 (ingresso consentito fino alle 16.30)

dal 1 aprile al 31 ottobre 8.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.00)

Chiuso il 25 dicembre e 1 gennaio

 

Sito web: www.palazzoducale.visitmuve.it

 

Indirizzo: Palazzo Ducale San Marco 1, 30124 Venezia

Ingresso per il pubblico: Porta del Frumento, Piazzetta San Marco

Email: info@fmcvenezia.it

Telefono:  041 2715911

 

 

Biglietto intero: 20,00 euro

Biglietto ridotto: 13,00 euro * Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di almeno 15 ragazzi o studenti; oltre 65 anni; personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo (MiBACT); titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.

Gratuito: Residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide turistiche abilitate e interpeti turistici che accompagnino gruppi o visitatori individuali; per ogni gruppo di almeno 15 persone, 1 ingresso gratuito (solo con prenotazione); docenti accompagnatori di gruppi scolastici, fino ad un massimo di 2 per gruppo; volontari del Sevizio Civile; partner ordinari MUVE; possessori MUVE Friend Card, possessori di The Cultivist card (più tre accompagnatori).

Offerta famiglie: biglietto ridotto per tutti i componenti, per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 14 anni).

Offerta Scuola: 5,50 euro a persona (valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo) per classi di studenti di ogni ordine e grado, accompagnate dai loro insegnanti, con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

Audioguida (acquistabile solo presso la biglietteria): 5 € (per una persona), 8 € (per due persone)

Condividi su Facebook