Siamo in pieno clima natalizio e a Venezia, come in molte altre località, sono stati allestiti come d’usanza nelle varie chiese i presepi, costruiti con cura e passione dalle sapienti mani di artigiani e volontari.

Il presepe fa parte da sempre della tradizione cristiana locale come simbolo dell’espressione religiosa, ma anche come rappresentazione della quotidianità del lavoro, nonché della vita familiare e di una comunità.

Se pensiamo che il primo presepio al mondo si trova proprio in Italia, e c’è poco da stupirsi. Sono passati 8 secoli e la tradizione del presepe è più viva che mai.

Segnaliamo di seguito alcuni dei presepi più caratteristici di Venezia:

 

TRADIZIONALE: IL PRESEPE DEI FRARI

Nella nostra selezione non poteva mancare il presepe della Chiesa dei Frari, che è una delle cose da vedere assolutamente a Venezia durante il periodo natalizio, nonché di richiamo per migliaia di visitatori ogni anno. È una lunga tradizione quella del presepe nella Basilica dei Frari, infatti da decenni, nello spirito francescano, i frati della Basilica realizzano ogni anno un presepio artistico, per la gioia dei bambini, ma non solo. Questo presepe è realistico, in quanto molti dei personaggi che lo compongono, come il ciabattino ed il vasaio che lavora la creta, sono mossi da meccanismi e la cura dei dettagli non ha eguali per ricercatezza e proporzione degli edifici che lo compongono. Inoltre la luminosità varia a seconda del giorno e della notte che si alternano nello scenario. Sicuramente può essere considerato tra i più belli di Venezia in assoluto e soprattutto non è mai uguale, infatti molte statuine vengono spostate rispetto all’anno precedente, affinché esso appaia ogni anno rinnovato. Si può visitare gratuitamente entrando dalla porta laterale della Chiesa dei Frari, dove sorge la cappella di San Pietro, e l'orario di visita è lo stesso di quello della Basilica omonima. La fermata del vaporetto più vicina per arrivare alla Chiesa dei Frari è "S. Tomà" (linee 1 e 2). Visitabile dal 24 dicembre scorso, rimarrà esposto fino a Carnevale.

0000.jpg

 

PATRIOTTICO: PRESEPI DEI MAESTRI DEL VETRO

La chiesa degli Scalzi, dei padri Carmelitani, ospiterà per il terzo anno consecutivo la mostra "Murano Glass Christmas". Ideata e organizzata dall'associazione "Murano Viva", in collaborazione con i Padri Carmelitani Scalzi di Venezia, la rassegna è visitabile negli orari di apertura della chiesa. Quest’anno a differenza dei precedenti, verranno esposti due presepi, che sono il risultato della prima vera e propria collaborazione tra maestri vetrai, ognuno secondo la propria creatività e tecnica. L’esposizione esprime il cuore e l’anima di Murano Viva, un’associazione giovane e dinamica, nata per volontà di un gruppo di cittadini con l'obiettivo di valorizzare la produzione del vetro artistico di Murano promuovendo progetti che ne valorizzino l'immagine, ribadendone la qualità ed unicità. La fermata del vaporetto più vicina per arrivare alla Chiesa degli Scalzi è "Ferrovia ". Visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle 9:30 alle 17 dal 16 dicembre scorso, rimarrà esposto fino al 20 gennaio 2018.

6666.jpg

 

INUSUALE: PRESEPE IN LAGUNA

Nella località di Ca' Vio, frazione del comune di Cavallino Treporti, si può ammirare un singolare Presepe per tutto il periodo natalizio. La singolarità e l'originalità è dovuta soprattutto alla localizzazione e realizzazione dello stesso, in quanto è posto in Laguna, esattamente nel canale di Pordelio a lato della Trattoria Pizzeria da Gino. Gli autori sono F. Orazio e G. Zanetti, assieme al pittore P. Nardin. Il presepe conta circa una quarantina di sagome di grandezza naturale infisse nel fondo della Laguna e emergenti dall’acqua a seconda della variazione della marea.

66666_0.jpg

 

NASCOSTO: PRESEPE SOTTOMARINO

Il 26 gennaio 1961 una nave da carico proveniente dalla Croazia si inabissò al largo dell’isola del Lido nella laguna di Venezia. Dell’equipaggio, composto da ventidue uomini, nella tragedia morirono il timoniere e il nostromo, mentre due marinai furono dati per dispersi. Essendo vicino alla costa e a poca profondità, il relitto è diventato una tappa per tutti i subacquei. Il 23 dicembre 2005 il club dei Moi, un gruppo di appassionati subacquei veneziani, ha fissato sulla pala dell’elica a poppa dell’imbarcazione sommersa un piccolo presepe in marmo. L’opera è una copia del presepe che viene esposto ogni anno durante il periodo natalizio nella chiesa di San Giobbe a Cannaregio, realizzato da un artista amico dei soci del Club.

15747342_1220137414737970_6037753340080143822_n.jpg

 

Condividi su Facebook